lunedì, Luglio 4, 2022
Google search engine
HomeSportQuanto si guadagna vincendo la Serie A? Ecco tutti i dati

Quanto si guadagna vincendo la Serie A? Ecco tutti i dati

Il Campionato di Calcio si è appena concluso, sancendo la vittoria del Milan, primo nella classifica serie A e, come ogni anno, i tifosi fanno i conti e misurano la loro delusione o la soddisfazione per la vittoria, le speranze affidate al calciomercato e l’attesa di nuovi arrivi e potenziali campioni.
I presidenti ed i tesorieri delle società, di converso, oltre alla soddisfazione di sollevare il trofeo, fanno i conti con quanto porta nelle casse la vittoria.
Diciamo subito che i premi per a vittoria del campionato di serie A variano da paese a paese; in Italia che conquista lo scudetto porta a casa circa 23mln di Euro, cui si aggiungono subito circa 10mln di ricavi derivanti dalla partecipazione alla Champions League.
Il Market Pool messo a disposizione dalla Uefa si compone di una parte fissa ed una variabile, secondo il piazzamento nella stagione in corso di Champions e in base ai risultati.
Questa parte computistica è, però, solo una delle voci che compongono gli introiti di una società di calcio vincitrice del massimo torneo nazionale.
Una serie complessa di regole, variabili a seconda dei contratti e delle stagioni, determina l’ammontare dei diritti televisivi ripartiti tra le società ed è facilmente immaginabile che la conquista dello scudetto rafforzi la posizione contrattuale della società nei riguardi delle altre quando occorrerà affrontare la cessione dei diritti alle piattaforme televisive.

Vittoria campionato Serie A Tim

Secondo stime approssimative, tra premi previsti dalla Lega serie A e maggiori introiti relativi ai diritti televisivi ed alla partecipazione alla Champions League, la vittoria alla fine della stagione porterebbe nelle casse della società non meno di 60mln di euro, a cui si aggiungono potenzialmente le sponsorizzazioni (nuove e storiche) che, in caso di vittoria del campionato, rivedono certamente al rialzo i premi pagati.
In base a quanto appena detto, possiamo quantificare gli introiti del Milan Campione d’Italia 2021/22 in circa 33mln di euro, esclusa la parte variabile a cui abbiamo accennato.
Tra le voci non immediatamente quantificabili, quella relativa alla partecipazione allo stadio e, in generale, il merchandising.
La vittoria del campionato, storicamente, procura un maggior numero di abbonati per l’anno successivo ed è altrettanto evidente l’aumento degli introiti dovuto alla vendita di gadget, magliette e tutto ciò che ruota intorno al marchio della società ed alla sua promozione.

La programmazione

Eppure non sono solo rose e fiori per chi conquista il titolo!
Il prestigio della vittoria e la programmazione per l’anno successivo e per la partecipazione alle competizioni europee impongono di affrontare alcuni ricorrenti temi: la probabile richiesta di ritocco contrattuale da parte dei calciatori e la necessità di rinforzare la squadra con nuovi acquisti.
Questi temi sono tanto più importanti oggi, in considerazione del fatto che molte squadre appartengono a fondi di investimento internazionali (football), la cui gestione finanziaria è particolarmente attenta al rapporto tra costi e ricavi.
Nonostante le agevolazioni sulla tassazione agevolata per i calciatori impatriati, il monte ingaggi è la voce più importante nella gestione di una società, e sbagliare qualcosa in termini di programmazione significa non solo azzerare il tesoretto guadagnato con la vittoria ma mettere a rischio i bilanci e la programmazione per gli anni successivi.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments