giovedì, Maggio 23, 2024
HomeLifestyleBoris Pahor chi era? Libri, Età, Frasi Celebri

Boris Pahor chi era? Libri, Età, Frasi Celebri

Boris Pahor è un romanziere ed educatore sloveno, noto per le sue opere dedicate alla minoranza slovena nell’Italia sempre più fascista prima della seconda guerra mondiale.

Boris Pahor nacque il 26 agosto 1913 in una comunità minoritaria slovena a Trieste, il principale porto dell’Impero austro-ungarico e la capitale della regione del litorale austriaco all’epoca (l’attuale Trieste). È figlio di Franc e Marija (Ambrozic) Pahor.

Da bambino, Pahor è stato testimone di violenze sponsorizzate dai fascisti contro la minoranza slovena in Italia.
Nel 1922 gli sloveni furono costretti a cambiare nome e gli fu proibito di parlare sloveno per le strade. Le loro strutture culturali e altre proprietà sono state bruciate.

Pahor studiò teologia cattolica nel seminario di Gorica dal 1935 al 1938. Si è laureato all’Università di Padova con una tesi di laurea sulla poesia di Edvard Kocbek nel 1947.

Aveva 108 anni, è morto oggi e ha scritto una trentina di libri tradotti in decine di lingue.

Boris Pahor: Libri e Frasi Celebri

Pahor dedicò la sua carriera alla scrittura e all’insegnamento. Pubblicò i suoi primi pezzi sui giornali di Lubiana con lo pseudonimo di Jožko Ambrožič.
Dal 1940 al 1941 prestò servizio nell’esercito italiano, che lo mandò in Libia. Dopo il suo ritorno in Italia, Pahor iniziò a lavorare come interprete di prigionieri sul Lago di Garda.
Dopo la caduta del fascismo italiano tornò a Trieste nel 1943 e si unì al movimento di liberazione popolare, che fornì l’ambiente per il suo romanzo del 1955 “Mesto v zalivu” (tr: La città nella baia).

Nel 1944, tuttavia, fu arrestato dalla Guardia Interna slovena e consegnato alla Gestapo. Dopo essere stato interrogato e abusato in diversi campi di concentramento, fu finalmente liberato da Bergen-Belsen nel 1945.

Tornò a Trieste nel 1946, ma fu solo dopo il 1953 che poté lavorare in una scuola slovena a Trieste. Gli è stato concesso un pensionamento anticipato nel 1975 a causa dei suoi anni di servizio militare e del suo status di detenuto nei campi di concentramento.

La fama di Pahor deriva dalle pubblicazioni sulle atrocità nei campi di concentramento nazisti, ma in Slovenia e tra la minoranza slovena in Italia è ben noto per il suo impegno sociale e politico, oltre che per i suoi scritti.

  • Nekropola (Pellegrino tra le ombre), la raccolta di romanzi intitolata Grmada v pristanu (Il falò nella banchina)
  • i romanzi Nomadi brez oaze (Nomades senza oasi)
  • Spopad s pomladjo (Una primavera difficile) sono i libri più popolari di Pahor.

Pahor è stato tuttavia notato per la prima volta all’estero, e solo in seguito in Slovenia. Il suo stile narrativo riflessivo ha portato Pahor ad essere paragonato a Primo Levi, Jorge Semprún e Imre Kertész. È riconosciuto come uno dei più famosi rappresentanti della letteratura slovena critica contemporanea.

Pahor è stato anche nominato per il premio Nobel per la letteratura dall’Accademia slovena delle scienze e delle arti nel 2007.

I suoi libri includono:

  • “Questo è il modo in cui ho vissuto. Biografia di un secolo” (con Tatjana Rojc, Bompiani, 2013),
  • “Il figlio di nessuno. Autobiografia senza confini” (Rizzoli, 2012),
  • “Dentro il labirinto” (Fazi, 2011),
  • “Qui è vietato parlare” (Fazi, 2009),
  • “Una primavera difficile” (La nave di Teseo, 2016),
  • “Tre volte no. Memorie di un uomo libero” (Rizzoli, 2009).

boris pahor	720	n/a	 68 boris pahor necropoli boris viareggio	480	n/a	 56 viareggio boris	90	n/a	 48 boris scrittore	40	n/a	 72 samo pahor

Boris pahor

Boris pahor

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments