mercoledì, Febbraio 21, 2024
HomeEconomiaINPS, pensioni con 16 anni di contributi confermati in tutte queste categorie.

INPS, pensioni con 16 anni di contributi confermati in tutte queste categorie.

Secondo l’ultima normativa INPS, è possibile andare in pensione dopo 16 anni di contributi. Vediamo come si può fare.

Grazie alla sua politica flessibile, le pensioni possono essere percepite anche se una persona non è iscritta al sistema di sicurezza sociale da 20 anni.

Tuttavia, solo alcuni potenziali beneficiari possono usufruire di questa soluzione. Un esempio è la possibilità di andare in pensione dopo soli 16 anni di contributi, che può essere ottenuta solo attraverso l’utilizzo di due misure speciali.

Legge dell’amato Esenzione dalla pensione per 16 anni di contributi

I regimi di superannuation contributiva sono una forma di prestazione pensionistica erogata dal governo in cui i lavoratori contribuiscono con una parte dei loro guadagni a un fondo, che viene utilizzato per fornire sostegno finanziario ai pensionati quando raggiungono una certa età.

Andare in pensione dopo 16 anni di contribuzione è senza dubbio un compito arduo, come si vedrà presto.

Tuttavia, c’è un barlume di speranza per coloro che andranno in pensione nel 2023. Grazie alla legge Amat e alle sue esenzioni, possono andare in pensione anticipata dopo 15 anni di versamenti di premi, a condizione che abbiano raggiunto i 67 anni di età.

Questa possibilità può essere goduta solo da coloro che hanno versato i contributi fino al 1992.

In sostanza, è richiesta una storia lavorativa ininterrotta dall’età di 21 anni nel 1977 al pagamento dei premi nel 1992. Si tratta di una preziosa opportunità disponibile solo per un numero molto limitato di persone.

Inoltre, possono beneficiare dell’accredito AMART coloro che sono stati autorizzati a versare contributi volontari prima del 1992 e coloro che hanno versato il primo contributo almeno 25 anni prima del pensionamento.

Potranno inoltre usufruire di questa esenzione anche coloro che hanno avuto meno di un anno (52 settimane) di copertura a causa del mancato pagamento di premi sufficienti per 10 anni.

Questa disposizione manderebbe in pensione un lavoratore di 67 anni che ha iniziato a pagare i premi nel dicembre 1995 e ha già pagato i premi per 15 anni fino al 2010.

Tuttavia, è stato in grado di risparmiare solo il denaro sufficiente a coprire parte di un anno, nonostante avesse preparato risparmi per altri 10 anni.

Pensione di vecchiaia contributiva

Se una persona va in pensione dopo aver versato 16 anni di contributi, un’altra possibilità è quella di ricevere una pensione di vecchiaia contributiva.

Questa misura speciale viene attuata per aiutare coloro che, all’età di 67 anni, non hanno versato contributi sufficienti per accedere al pensionamento anticipato o alla pensione di vecchiaia.

In base alla legislazione attuale, dal 1996, una persona può continuare a lavorare fino all’età di 71 anni se ha versato i contributi per almeno cinque anni.

Se una persona ha versato i contributi per meno di un anno prima del 1996, non ha diritto alla pensione contributiva.

Chi ha versato i contributi a una gestione separata ha un’altra possibilità. Questa opzione prevede la fusione gratuita di tutti i contributi versati in altri regimi previdenziali pubblici in un unico regime.

Per poter accedere alla gestione separata è necessario aver versato almeno 15 anni di contributi. Di questi 15 anni, almeno cinque devono essere stati accumulati dal 1° gennaio 1996.

Come abbiamo visto, l’atto di andare in pensione dopo 16 anni di contributi è un compito arduo. Tuttavia, ci si chiede chi riesca a raggiungere questo traguardo e quali siano le sue prestazioni pensionistiche.

A quanto ammonta la pensione?

Per determinare la retribuzione totale di un dipendente di 71 anni che percepisce uno stipendio annuo di 25.000 euro e ha versato i contributi per 16 anni a partire dal 1996, è necessario determinare l’ammontare dei contributi versati.

L’importo dei contributi viene determinato sommando i contributi annuali accumulati nel corso degli anni.

Il lavoratore destina una parte del suo stipendio annuale a un “paniere” designato che costituisce la base per le future pensioni.

In questo caso, il 33% della retribuzione annua lorda di un individuo di 25.000 euro corrisponde a 8.250 euro; dopo 16 anni di contributi, l’importo dei contributi è di 132.000 euro.

Dopo aver determinato questo valore, si utilizza un fattore di conversione. Il fattore di conversione è pari al 6,655% per un individuo di 71 anni.

Moltiplicando 132.000 euro per il 6,655% si ottiene una pensione totale di 8.785 euro. Questo importo corrisponde a circa 676 euro al mese lordi e 380-400 euro al mese netti.

Se lo stipendio annuo viene ridotto a 23.000 euro al lordo delle imposte, la pensione totale annua sarebbe di 8.082 euro, che corrisponde a 622 euro lordi e 350 euro netti al mese.

Se lo stipendio annuale viene ridotto a 28.000 euro, la pensione annuale totale sarebbe di circa 9.839 euro. Ciò equivale a una pensione mensile lorda di circa 757 euro e a una pensione mensile netta di circa 450 euro.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments