lunedì, Maggio 27, 2024
HomeEconomiaImposta di successione e donazioni: la nuova dichiarazione precompilata

Imposta di successione e donazioni: la nuova dichiarazione precompilata

Come cambiano le imposte di successione e donazione per via telematica

Molti genitori tutelano i figli da una tassazione elevata sull’eredità degli immobili, donando quando ancora sono in vita la loro casa. Questa operazione, fortemente voluta da Silvio Berlusconi per ottemperare alle sue promesse elettorali, consente di pagare un aliquota più bassa. La casa è il centro nevralgico di ogni famiglia, il vissuto è amplificato al momento della mancanza dei genitori e come riportano spesso i fatti di cronaca nera, possono avvenire rotture tra fratelli, anche molto gravi, durante la fase ereditaria. E’ quindi opportuno pensare in tempo alla denuncia da eseguire, conoscendo l’imposta di successione in fase di testamento o procedere ad una donazione diretta.

La dichiarazione di successione per via telematica

In conferenza stampa, al termine del Consiglio del’8 aprile, il vice Ministro dell’Economia Maurizio Leo annuncia la semplificazione digitale e la razionalizzazione di alcune norme, tra le quali la dichiarazione di successione e l’adeguamento della disciplina delle donazioni.

Con l’unico vincolo di eseguire la dichiarazione di successione per via telematica, la denuncia non richiederà più dati complessi come gli estratti catastali degli immobili e il certificato dei pubblici registri che individuano in modo univoco navi e aeromobili. L’invio della raccomandata per la denuncia di successione rimane riservata soltanto ai residenti all’estero.

La nuova regola per l’imposta di successione favorisce i residenti all’estero

L’imposta è dovuta riguardo ai beni e ai diritti trasferiti ai beneficiari, in particolare sono tassati tutti i beni che sono disposti nella successione dal richiedente residente in Italia. Se il disponente invece è residente all’estero allora vengono tassati solo i beni e i diritti presenti sul territorio italiano.

Se la successione è inserita nel testamento, la tassa di successione può essere pagata in anticipo dal disponente sollevando gli eredi dal suo pagamento. Con la via telematica l’imposta è evasa direttamente senza attendere l’avviso dell’Agenzia delle Entrate. L’alternativa è il pagamento entro 90 giorni dalla dichiarazione di successione.

 

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments