sabato, Giugno 22, 2024
HomeNewsRiccardo Bossi indagato per percezione indebita del reddito di cittadinanza

Riccardo Bossi indagato per percezione indebita del reddito di cittadinanza

Riccardo Bossi è il figlio primogenito di Umberto Bossi, il fondatore della Lega. Nato nel 1979 dalla prima moglie Gigliola Guidali, Riccardo Bossi è un imprenditore e ha un passato da pilota di rally, riuscendo ad ottenere il secondo posto al Campionato europeo. Della sua attività imprenditoriale non ci sono notizie certe a parte che ha avuto un’attività giornalistica nel giornale ‘Padania‘ in cui si è occupato di sport e di motori.

L’inchiesta precedente su Bossi per truffa

Nel 2012 è già stato indagato insieme al padre e al fratello Renzo per l’inchiesta della Procura di Milano in merito al reato di truffa ai danni dello Stato. In quella occasione l’accusa era riferita alla gestione di ingenti fondi del partito della Lega riconducibili a rimborsi elettorali. L’inchiesta scaturì da alcune sottrazioni illecite dai fondi da parte del’ex tesoriere della Lega, Belsito.

Il reinvio a giudizio attuale

La vicenda uscita sulle cronache oggi riguarda invece soltalto Riccardo Bossi che avrebbe incassato, tra il 2020 e il 2023, il reddito di cittadinanza in modo indebito.

Le mensilità di cui si sarebbe avvalso Bossi sono in tutto 43 per un ammontare di 12.800 euro. Il Pubblico Ministero della Procura di Busto Arsizio (Varese) Nadia Alessandra Calcaterra, ha già depositato l’avviso di conclusioni delle indagini e chiederà quanto prima il reinvio a giudizio di Riccardo Bossi.

L’imputato avrebbe chiesto il reddito di cittadinanza giustificando la domanda per il sostegno al pagamento del canone di locazione di un appartamento. Riccardo Bossi però aveva già avuto lo sfratto per morosità e quindi la domanda sarebbe decaduta e ingiustificata. Avrà 20 giorni di tempo per depositare la sua difesa.

Per quanto riguarda il rapporto con il padre, Riccardo non sembra intenzionato a seguirne le impronte in politica, in una intervista a Vanity Fair avrebbe commentato rispetto all’assenza del padre alle sue corse :”Corro sempre in posti lontani ma s’i informa. È venuto una volta a vedere i test in pista a Brescia. Alla fine mi ha detto: “Tu sei pazzo”“.

 

 

 

RELATED ARTICLES

1 COMMENT

Comments are closed.

- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments