giovedì, Luglio 7, 2022
Google search engine
HomeLifestyleSenise, cosa vedere? Mappa, ristoranti, lago, agriturismi

Senise, cosa vedere? Mappa, ristoranti, lago, agriturismi

Tra i piccoli comuni da non perdere non possiamo non menzionare quello di Senise Basilicata. Situato tra i 171 e 651 s.l.m., il comune Senise rientra nella provincia di Potenza, dalla quale dista 121 chilometri. Ma quali sono le cose da non perdere assolutamente quando si visita Senise PZ? Ecco tutto quello che dovete sapere su Senise: cosa vedere, quali sono i punti di interesse, cosa mangiare e cosa visitare.

 Storia di Senise Potenza

Prima di addentrarci nella storia di Senise, vi sarete certamente chiesti come mai l’altezza sul livello del mare è così ampia. Il centro abitato, per la precisione, sorge a 335 s.l.m., ma una leggenda vuole che in origine fosse locato più in basso, vicino al fiume Sinni. Poi, per sfuggire alla malaria, la popolazione si trasferì più in alto. Da questa peculiarità proverrebbe anche il significato del nome della città stessa, ovvero “luogo del Sinni”. Un’altra spiegazione, però smentita, vorrebbe invece la città fondata da un cavaliere di Siena. Per questo motivo la città riporterebbe lo stesso emblema della città toscana.

Ad ogni modo, le prime tracce della città si rinvengono in epoca romana e poi ancora in epoca longobarda. La fondazione di Senise, invece, risalirebbe all’epoca normanna, durante la quale sarebbe stato costruito un castello difensivo e quindi, mano a mano, tutto il borgo circostante.  Successivamente fu edificato un castello più in alto e un convento francescano. L’accavallarsi di tecniche costruttive e di stratificazioni storiche all’interno del tessuto urbano sono ancora visibili e rendono Senise uno dei borghi da visitare in Basilicata più interessanti.

Cosa vedere a Senise?

Fermo restando che il centro storico di questo borgo, con i suoi vicoli medievali e palazzi nobiliari, è già di per sé meritevole di una visita, c’è da dire che questa città ha molte perle da scoprire. In primo luogo, il castello medievale dal quale si sviluppa tutto l’abitato.

Vanno innanzitutto menzionati i sopra citati palazzi nobiliari edificati durante il medioevo, caratterizzati da portali in pietra dalla particolare lavorazione. Parliamo di Palazzo Crocco, Palazzo Guerriero, Palazzo Donnaperna, Palazzo Sole, Palazzo Marcone e Palazzo Barletta.

Da vedere a Senise, poi, la chiesa di San Francesco, edificata nel 1200, in cui sono da ammirare gli affreschi. Restando in ambito architettonico, va menzionata anche la sede del Museo Etnografico, casa di Sant’Andrea Avellino.

Dal punto di vista naturalistico, invece, la città è conosciuta anche per la diga di Monte Cotugno, meglio conosciuta come diga di Senise, . La diga Senise è stata realizzata negli anni ’70 in corrispondenza del bacino artificiale, costituendo l’invaso più grade d’Europa. Nel lago di Senise sono inoltre spesso organizzate gare nazionali di canottaggio.

Cosa mangiare?

Il territorio della Basilicata è ricchissimo di piatti tipici da provare. In particolare, non andate via senza aver provato:

  • Acquasale, costituito da pane raffermo condito con pomodori pelati soffritti
  • Baccalà con i tipici peperoni cruschi
  • Cavatelli e cime di rape
  • Gran ragù lucano, con battuto di lardo, cipolla e prezzemolo
  • Minuich alle cime di cola
  • Taralli all’aviglianese

Tra i ristoranti migliori di Senise vi segnaliamo poi la Tenuta Fortunato, con la sua vista panoramica.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments