mercoledì, Luglio 6, 2022
Google search engine
HomeLifestyleFrasi siciliane: le 100 più belle (citazioni, aforismi, dediche)

Frasi siciliane: le 100 più belle (citazioni, aforismi, dediche)

La Sicilia è una delle regioni sicuramente più amate, conosciute e celebrate all’estero. Non solo per la sua bellezza, ma anche e soprattutto per la sua incredibile storia e cultura che la rende unica al mondo. Attraverso le prossime frasi siciliane e frasi in siciliano che abbiamo scelto per voi cercheremo di esplorare questa terra dai mille colori e sapori!

Frasi siciliane e proverbi siciliani

Iniziamo la nostra raccolta di frasi siciliane con alcuni trai più famosi e popolari detti siciliani e modi di dire siciliani, frasi che sicuramente avrete modo di sentire se deciderete di visitare questa incredibile isola:

  1. Lu lupu di mala cuscenza comu opira penza.
  2. Munti e munti `un s`incontranu mà.
  3. La pignata taliata `un vugghi mai.
  4. Attacca lu sceccu dunni voli lu patruni.
  5. Cu `un fa nenti `un sbaglia nenti.
  6. Prima di parlari mastica li paroli.
  7. Cu avi la cummirità e `un si nni servi mancu lu cunfissuri lu pò assolviri.
  8. Di `na rosa nasci `na spina. Di `na spina nasci `na rosa.
  9. Cu nesci arrinesci
  10. Iunciti cu lu megghiu e perdicci li spisi.
  11. Si ad ogni cani chi abbaia ci vò tirari `na petra `un t`arrestanu vrazza.
  12. Ogni cani è liuni a la sò casa.
  13. Mentri ca siti papa, papiati; | cu sa si nn’autra vota papa siti.[190]
  14. Ovu d`un`ura, pani d`un jornu e vinu d`un annu `un ficiru mai dannu.
  15. Li sordi di lu `Nfinfirinfì si li mancia lu `nfinfirinfà.
  16. Servu d`autru si fa cu dici lu sigretu chi sa.
  17. Fa beni e scordatillu, fa mali e pensaci.
  18. Lassa lu focu ardenti e succurri la parturienti.
  19. Quannu ‘u piru è maturu cari sulu.
  20. ‘U cani muzzica sempre ‘u spardatu
  21. Mariuolu e viulinu, ti diverti a lu matinu.
  22. Lu rispettu è misuratu, cu lu porta l’havi purtato.
  23. Nuddu si pigghia si ‘un si assimigghia.
  24. Cu mancia fa muddrichi.
  25. Cu fa carteddi, ‘ni fa lari e ‘ni fa beddi.
  26. Cu duna prima duna `ntimenza, cu duna doppu cu tutti li senza.
  27. Aranci aranci, cu havi guai si li chianci.
  28. A li ricchi ricchizzi, a li scarsi scarsizzi.
  29. La nostra casa n`abbrazza e ni vasa.
  30. Addu o senza `addu Diu fa jornu e senza lu to crivu spagghiu e cernu.
  31. `Unn`è sempri chi ghioca e riri la muggheri di lu latru.
  32. Megghiu accordiu magru ca sintenzia grassa.
  33. Lu bonu no vali cchiù di lu tintu sì.
  34. ‘Mbriachi e picciriddi, ‘u Signuri aiuta.
  35. Du` su` i putenti, cu avi assà e cu nun avi nenti.
  36. Chiddu chi fa p`i me denti nun fa p`i me parenti.
  37. Aceddru `nta la aggia `un canta p`amuri, ma pi raggia.
  38. Manciari senza vìviri è celu annuvulatu ca ‘un pò chiòviri.
  39. Megghiu dogghia di vurza ca di cori.[182]
  40. Ama a cu t`ama si vo` aviri spassu, chi amari a cu nun t`ama e` tempu persu.
  41. Li guai di la pignata li sapi la cucchiara chi li rimina.
  42. Multi so’ signuri di citati, e su schiavi di li donni.
  43. Quannu lu diavulu t`alliscia voli l`arma.
  44. Morsi ‘u figghiozzu, finìu ‘u cumparatu.
  45. Spenni picca e arricchirai, parla picca e `nzirtirai, mancia picca e campirai.
  46. Misiricordia, dissiru li griddi, | quannu desiru focu a li ristucci.
  47. Megghiu `na vota arrussiari chi centu voti aggianniari.
  48. Soccu ora si schifia veni lu tempu chi si addisia.
  49. Siddru lu beni nun ritorna a mali nun si chiama beni.
  50. Megghiu sudari chi trimari.
  51. Vali cchiu` un sceccu `ntirrugannu, ca un ancilu rispunnennu.
  52. Quannu la furtuna vota ogni amicu si fa la ritirata.
  53. Megghiu lu picca godiri ca l’assai trivuliari.
  54. Quannu la lingua voli parrari, divi prima a lu cori dimannari.
  55. Si pri paura di corvi `un si semina linusa, nun putissimu aviri la cammisa.
  56. Cu strigghia lu so` cavaddru `un si chiama garzuni.
  57. Megghiu sbirri a la porta ca parrini.[108]
  58. Diu fa l`abbunnanzia e li ricchi la caristia.
  59. Acqua, cunsigghiu e sali a cu `unn`addumanna `un ci nni dari.
  60. Aspittari e nun viniri, jiri a tavula e nun manciari, jiri a lettu e nun durmiri
    su` tri peni di muriri.
  61. Arvulu chi nun ciuri e nun fa frutti tagghialu di sutta a quattru botti.
  62. Assai vali e pocu costa a malu parlari bona risposta.
  63. Megghiu asinu vivu ca dutturi mortu.

Filastrocche siciliane

Le filastrocche, anche se spesso sono riservate a un pubblico più giovane, possono raccontare moltissimo della cultura di un luogo. Ecco le più belle filastrocche siciliane da imparare a memoria:

  1. C’era ‘na vota un re befè viscotta e minnè, chi avia ‘na figghia bifigghia viscotta e minnigghia, allura sta figghia bifigghia viscotta e minnigghia, avia n’aceddu befeddu, viscottu e minneddu, vola st’aceddu befeddu viscottu e minneddu, supra u tignusu biffusu viscottu e minnusu, u re etta u bannu befeddu viscottu e me nannu, curri u tignusu biffusu viscottu e minnusu: “Mi runa a sta figghia bifigghia viscotta e minnigghia?” “Vattinni tignusu biffusu viscottu e minnusu, un ti rugnu a me’ figghia, bifigghia viscotta e minnigghia!”
  2. Assira fui nò zù Stefunu, pi tri tistuzzi i agghiu, chi fu stuzziusu stu zù Stefunu pi sti tri tistuzzi i agghiu.
  3. Ti e titirití, setti fimmini pi un tarí, e un tarí è troppu pocu, setti fimmini pi un varcocu, e lu varcocu è troppu duci, setti fimmini pi ‘na nuci, e la nuci è troppu dura, setti fimmini pi ‘na mula, e la mula avi li renti, setti fimmini pi un sirpenti, e lu sirpenti è avvilinatu, setti fimmini pi un granatu, e lu granatu è a coccia a coccia, setti fimmini pi ‘na boccia, e la boccia etta acqua, setti fimmini pi ‘na vacca, e la vacca avi li corna, setti fimmini pi ‘na donna, e la donna scinni ‘i scali, setti fimmini pi un rinali, e lu rinali è tunnu tunnu, setti fimmini pi lu munnu, e lu munnu è titirití, setti fimmini pi un tarí.
  4. Luni e marti un si parti, mercuri e jovi un ti movi, u vennari unni a gghiri, ca o sabatu hai a viniri?
  5. U malu paaturi: Lunedì no ne ho, Martedì aspetta un po’, Mercoledì e san clementi è, Giovedì nun ti anni dugnu nenti, Venerdì di bon ura, Sabatu a qualunchi ura, Si duminica nun ti nn’haiu dati, Lunedì cuminciamu da capi.

Frasi sulla Sicilia e sui siciliani

Per concludere, non potevano di certo mancare le frasi sulla Sicilia, ma anche le frasi sui siciliani dal momento che a quanto pare hanno un temperamento unico!

  1. In quanto alla Sicilia da che mondo è mondo è stata sempre al centro della grande storia. Prima i commerci e le tante dominazioni, oggi l’approdo nelle sue coste di una catena di disperati. I natanti fanno rotta verso Lampedusa perché la Sicilia da sempre è terra di accoglienza. Brava gente con grande senso dell’umanità. Altrove, vedi in Spagna ma anche in Francia per molti versi, non è così. Il flusso purtroppo è destinato a ingrossarsi. (Tahar Ben Jelloun)
  2. I siciliani sono più personaggi che persone. (Roberto Gervaso)
  3. Capire la Sicilia significa dunque per un siciliano capire se stesso, assolversi o condannarsi. Ma significa, insieme, definire il dissidio fondamentale che ci travaglia, l’oscillazione fra claustrofobia e claustrofilia, fra odio e amor di clausura, secondo che ci tenti l’espatrio o ci lusinghi l’intimità di una tana, la seduzione di vivere la vita con un vizio solitario. L’insularità, voglio dire, non è una segregazione solo geografica, ma se ne porta dietro altre: della provincia, della famiglia, della stanza, del proprio cuore. Da qui il nostro orgoglio, la diffidenza, il pudore; e il senso di essere diversi. (Gesualdo Bufalino)
  4. Chi sono i siciliani? C’è un ritrattino tracciato dal messinese Scipio di Castro, negli Avvertimenti (seconda metà del secolo XVI), un bel volume pubblicato dalla benemerita Elvira Sellerio: “La loro natura è composta da due estremi, perché sono sommamente timidi mentre trattano gli affari propri e di una incredibile temerarietà dove si tratta del maneggio pubblico”. Ma per tratteggiare un attendibile profilo è opportuno aggiornare i giudizi. Pirandello: “Una istintiva paura della vita”, ovvero la propensione al dubbio; Brancati, ovvero l’ossessione del sesso: “I sogni e la mente e i discorsi e il sangue stesso perpetuamente abitato dalla donna”; Sciascia, ovvero l’individualismo: “Ognuno è e si fa isola a se”. (Enzo Biagi)
  5. Il volgare siciliano si attribuisce fama superiore a tutti gli altri per queste ragioni: che tutto quanto gli italiani producono in fatto di poesia si chiama siciliano; e che troviamo che molti maestri nativi dell’isola hanno cantato con solennità. (Dante Alighieri, De vulgari eloquentia)
  6. Goethe che visitò la Sicilia quando era più lontana che non sia l’India oggi, ed era ignota de visu anche ad archeologi d’avanguardia, anche allo stesso Winckelmann, Goethe ammirò incantato il monte Pellegrino su Palermo, “il più bel promontorio del mondo”, e cercò arte e natura su strade ancora inospiti, su clivi inaccessi, disse una delle sue parole profetiche scrivendo che l’Italia senza la Sicilia non è un tutto. (Giuseppe Antonio Borgese)
  7. Sai tu la terra ove i cedri fioriscono? Splendon tra le brune foglie arance d’oro pel cielo azzurro spira un dolce zeffiro umil germoglia il mirto, alto l’alloro. (Goethe)
  8. L’estate cala sulla Sicilia come un falco giallo sulla gialla distesa del feudo coperta di stoppe. La luce si moltiplica in una continua esplosione e pare riveli e apra le forme bizzarre dei monti e renda compatti e durissimi il cielo, la terra e il mare, un solo muro ininterrotto di metallo colorato. Sotto il peso infinito di quella luce gli uomini e gli animali si muovono in silenzio, attori forse di un dramma remoto, di cui non giungono alle orecchie le parole: ma i gesti stanno nell’aria luminosa come voci mutevoli e pietrificate, come tronchi di fichi d’India, fronde contorte di ulivo, rocce mostruose, nere grotte senza fondo. (Carlo Levi)
  9. Tutte le manifestazioni siciliane sono manifestazioni oniriche, anche le più violente: la nostra sensualità è desiderio di oblio, le schioppettate e le coltellate nostre, desiderio di morte; desiderio di immobilità voluttuosa, cioè ancora di morte, la nostra pigrizia, i nostri sorbetti di scorsonera o di cannella; il nostro aspetto meditativo è quello del nulla che volesse scrutare gli enigmi del nirvana. (Giuseppe Tomasi di Lampedusa)
  10. Sai cos’è la nostra vita? La tua e la mia? Un sogno fatto in Sicilia. Forse stiamo ancora lì e stiamo sognando. (Leonardo Sciascia)
  11. Qualunque cosa possa accadere ai Siciliani, essi lo commenteranno con una battuta di spirito. (Marco Tullio Cicerone)
  12. Il sesto giorno Dio compì la sua opera lieto di averla creata tanto bella prese la terra tra le mani e la baciò… la dove pose le sue labbra è la Sicilia. (Renzo Barbera)
  13. Arrivi qui e ti accorgi che quella città in cui vivi, cioè Parigi, sembra un posto qualunque, anonimo, che subito rifiuti di considerarlo quella capitale del mondo che tutti credono, e nemmeno il centro dell’Europa, perché non ha i colori della Sicilia, né i suoi profumi né i sapori che tingono e incensano l’anima della mia infanzia. (Claudia Cardinale)
  14. La Sicilia è un dono di Dio, ci sono posti che non ti immagini, alla fine di una strada ti imbatti in un anfiteatro fatto di pietra lavica, e se sali sull’Etna e vedi il mare, beh, allora capisci perché chi conosce la Sicilia ne sia innamorato. (Carmen Consoli)
  15. La più bella regione d’Italia: un’ orgia inaudita di colori, di profumi, di luci, una grande goduria. (Sigmund Freud)
  16. Quegli odori di alga seccata al sole e di capperi e di fichi maturi non li ritroverà mai da nessuna parte; quelle coste arse e profumate, quei marosi ribollenti, quei gelsom ini che si sfaldano al sole. (Dacia Maraini)
  17. Non invidio a Dio il paradiso perché sono ben soddisfatto di vivere in Sicilia. (Federico II di Svevia)La Sicilia è il paese delle arance, del suolo fiorito la cui aria, in primavera, è tutto un profumo… Ma quel che ne fa una terra necessaria a vedersi e unica al mondo, è il fatto che da un’estremità all’altra, essa si può definire uno strano e divino museo di architettura. (Guy de Maupassant)
  18. Prendete un problema di qualunque natura (politico, sociale, culturale, tecnico o altro) e datelo da risolvere a due italiani: uno milanese e l’altro siciliano. Dopo un giorno, il siciliano avrà dieci idee per risolvere questo problema, il milanese nemmeno una. Dopo due giorni, il siciliano avrà cento idee per risolvere questo problema, il milanese nessuna. Dopo tre giorni, il siciliano avrà mille idee per risolvere questo problema, e il milanese lo avrà già risolto. (Giuseppe Tomasi di Lampedusa)
  19. Nessuna isola erge sull’orizzonte della nostra civiltà una fronte più radiosa della Sicilia. Essa punta verso tre continenti e ne sintetizza le caratteristiche. Tre volte, nel corso dei secoli, fu il più fulgido centro del mondo mediterraneo. (Roger Peyrefitte)
  20. La mia terra è sui fiumi stretta al mare, non altro luogo ha voce così lenta, dove i miei piedi vagano, tra giunchi pesanti di lumache. (Salvatore Quasimodo)
  21. La Sicilia è la più bella di tutte le isole, poiché contribuisce grandemente alla crescita di un impero. (Diodoro Siculo)
  22. Nel bene e nel male, la Sicilia è l’Italia al superlativo. (Edmonde Charles Roux)
  23. Comincia a gennaio la primavera siciliana, e via via che le piante fioriscono diventa il giardino di una maga: germoglia la menta sulle rive dei ruscelli, gli alberi morti si inghirlandano di rose canine, persino il brutale cactus mette teneri fiori. Quindi non mi fa paura l’arrivo dell’inverno: quale migliore prospettiva che quella di sedere davanti al fuoco ad aspettare la primavera?
    (Truman Capote)
  24. L’influsso spagnolo è l’ultimo; il primo è greco, il secondo e il terzo sono il saraceno e il normanno; il rinascimento qui ha colpito solo di striscio. Mescolate questi vari elementi culturali con un sole abbacinante, una terra africana, una quantità di polvere e una vegetazione meravigliosa, e avrete la Sicilia. (Karel Čapek)
  25. Ho conosciuto la piena bellezza, lo splendore nobile e pacifico della luce, pura e immensa, a Palermo, a Villa Tasca. (Anna de Noiailles)
  26. Te prego, o splendida, più bella tra le città dei mortali. (Pindaro su Agrigento)
  27. Il clima è temperato, l’aria dolcissima, l’isola fertile, il tempio assai più bello di quanto se ne dica. (William Shakespeare) 
  28. All’inizio della mia carriera l’essere siciliana e il forte accento del dialetto, mi rendeva molto insicura; pensavo che al di là dello Stretto di Messina tutto fosse più interessante e coinvolgente. Crescendo e acquisendo più fiducia in me stessa e nella mia sicilianità, invece, mi sono resa conto che non solo non abbiamo nulla in meno, ma che bisogna con ogni strumento difendere il nome della Sicilia. (Maria Grazia Cucinotta)

     

  29. Io sono nato in Sicilia e lì l’uomo nasce isola nell’isola e rimane tale fino alla morte, anche vivendo lontano dall’aspra terra natìa circondata dal mare immenso e geloso. (Luigi Pirandello)

     

  30. Anche se dipingo una mela, c’è la Sicilia. (Renato Guttuso)

     

  31. I siciliani non vorranno mai migliorare per la semplice ragione che credono di essere perfetti; la loro vanità è più forte della loro miseria. (Giuseppe Tomasi di Lampedusa)

     

  32. In Sicilia, quando facciamo qualcosa o la facciamo in grande o niente. Ecco perché spesso non facciamo niente. (Pino Caruso)
  33. Palermo, Museo del Mediterraneo: se volete sapere quel ch’è passato su questi flutti azzurri venite a Palermo. E’ una città deliziosa, una città dolce, una città profumata. Le sue piazze, le sue vie, i suoi giardini, i suoi monumenti sono magnifici. Ecco la Sicilia: capolavoro della natura, centro d’un mondo, terra illustre, si commovente e si nobile nel suo misterioso destino. (Gabriel Hanotaux)

     

  34. C’è nei canti del popolo siciliano una particolare nota, che li farebbe distinguere fra quelli di mille altri popoli, ed è una nota di signorilità: quasi una sprezzatura per tutto ciò che è volgare e scurrile. (Gesualdo Manzella Frontini)
RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments