mercoledì, Luglio 6, 2022
Google search engine
HomeLifestyleFrasi Gomorra: le 100 più belle (citazioni, aforismi, dediche)

Frasi Gomorra: le 100 più belle (citazioni, aforismi, dediche)

Gomorra è una delle serie TV più famose che siano uscite in Italia negli ultimi anni. Non è un caso, quindi, se le frasi Gomorra sono entrate nel parlato e nella cultura pop. Chi ha amato la serie allora farà meglio a non perdere la nostra raccolta di citazioni Gomorra, cui abbiamo abbinato anche una serie di frasi che si sposano bene con le atmosfere della serie.

Frasi Gomorra: citazioni celebri dalla serie

Se dobbiamo pensare alla frase Gomorra più conosciuta, sicuramente ci viene in mente la prima del nostro elenco. La citazione Gomorra più famosa, il celebre “Sta’ senza pensier”, è ormai entrata nel linguaggio colloquiale. Ma quali sono le altre frasi di Gomorra che hanno segnato la serie? Ecco le più famose:

  1. Sta’ senza pensier. (Ciro)

  2. Mo ce ripigliamm’ tutt’ chell che è ‘o nuost’. (Pietro Savastano)

  3. Je ‘o saccio che state penzanno! Voi dividete il mondo in quelli che non uccidono e in quelli che uccidono, e vi pensate che siccome io sono una femmina appartengo alla prima categoria, ve sbagliate! (Donna Imma)

  4. ‘E criature? Addo’ ‘e miette ‘e miette, se divertono! (Ciro)

  5. Stasera mi sento un re, vuoi essere la mia regina? (Genny)

  6. Si ‘nu juorno t’avessa veni’ ‘a nostalgia, ricuordate c’a pizza meglio ‘e Napule ‘a facimmo nuje a Furcella (Enzo Sangue Blu a Genny Savastano)

  7. Io tradisco al sangue mio per me e per lui. Non te lo scordare mai. (Azzurra)

  8. Bevilo! Tutto! Famme capi’ se me pozz’ fida’ e te! Se si’ sul’ un’ ca racconta strunzat’ o se mio figlio e i miei affari ‘e pozz’ mettere ‘mman’ a te! (Pietro Savastano)

  9. Agg’ campato tutta ‘a vita mia c’a morte vicino a mme! Nun tengo paura ‘e muri’! (Ciro)

  10. A democrazia nun funziona, pecché i cani si mangiano tra di loro si nun ce sta ‘o bastone. (Pietro Savastano)

  11. Salvatore nun beve, nun fuma e nun fa’ ammore: le piace a fa ‘a penitenza. (Nina)

  12. Chille t’hanno accise nu padre e nun t’hanno lassate manco nu cuorpo ‘a sutterra’. Nuje simmo figlie ‘e fantasmi e ‘e fantasmi nun trovano pace (Enzo Sangue Blu alla sorella Carmela)

  13. Stammo jenno mmiezz’a na tempesta. ‘Ncopp’a na barca ce sta sulo nu capitano (Enzo Sangue Blu)

  14. A Secondigliano tratto tutti comm ‘e figli. Ma si’ sbagliano anna pavà. (Patrizia)

  15. Pe mme tu fusse nu patre facile! (Genny a Ciro)

  16. A guerra nun ‘a vince chi è chiù forte, ‘a vince chi è chiù brav’ a aspetta’. E chest’ nisciuno lo sap’ fa meglio di noi femmine! (Imma Savastano)

  17. Genna’, tu sî figlio a me! Nun tiene bisogno ‘e possibilità! (Pietro a Genny)

  18. A Don Pietro Savastano, come lui ci sta sulament’ Hamsik! (Zecchinetta)

  19. Ce steva n’imperatore, se chiammava Giulio Cesare. O’ ssaje che diceva? Quando c’hai il nemico addosso lo devi anticipare. (Valerio)

  20. Tu nun si’ ommo, Carme’ (Sangue Blu)

  21. ‘A pantera è bella assaje, ma nun conta nu cazzo! Invece ‘mmiezz’ ê jene a cummanna’ songhe ‘e femmene! (Scianel a Marinella)

  22. Quanno stevo là in Honduras, stevo dinto a na capanna e ‘nziemme a me ce steva n’americano ca parlava, parlava pecché teneva paura. E intanto e sorde tuoje nunn’arrivavano. Na sera gli honduregni me mettettero nu macete ‘mmano e gridavano: “Accidilo! Accidilo!” Je pregavo, pregavo ca coccheduno me veneva a salva’, ca tu me venive a salva’! Ma niente… E loro continuavano a grida’: “Accidilo! O accidimmo nuje a tte!” E allora l’aggio fatto: aggio abbiato a taglia’ primma ‘a capa, po’ ‘e bbracce, po’ ‘e mmane! L’aggio fatto piezze piezze! Mo capisce?! (Genny)

  23. Ca ‘e figlie e ‘e muorte s’hann’ ‘a lassa’ ji’. Pe tte aggio fatto ‘o surdato, aggio tradite frate e sore, so’ disposta a muri’, aggio pure pruvato a fa’ ‘a mugliera, ma ‘a controfigura ‘e nu fantasma n’a saccio fa! (Patrizia)

  24. Chell ca m’e fatt ‘ngopp a chella barca, nun m’o scordo cchiù. (Genny)

  25. Mammà, tu avisse partecipa’ a ‘nu programma ‘e cucina dint’ ‘a televisione! (Salvatore)

  26. O scialatiello ‘o ssai comme se fa? Cu ‘e frutt’ ‘e mare… e po’ ce vo’ ‘o cucchiaro. (Pietro Savastano)

  27. Accidere è ‘na strunzata (Genny a Pietro)

  28. ‘E scigne so’ belle quando fanno quello che dice il padrone, pecché se vogliono comandare da sole, diventano pericolose, s’hanno âbbattere! (Pietro)

  29. Bevi, famme capi’ se mi pozzo fida e te (Pietro a Ciro)

  30. Tenevo un amico, un fratello. Ogni vota ca guard’ o mare penso ca iss sta’ llà ‘a qualche parte e me sta guardann. (Genny)

  31. ‘E muorte dâ giustizia nun se ne fanno cchiù nu cazzo! (Patrizia)

  32. Oggi è nu grande juorno. Amm’ battezzat’ n’alleanza nova. Addo’ se pigliano ‘e decisioni assieme. Je accatto ‘a robb’ pe tutt’quant’ ma ognuno è ‘o rre a casa soja. Amm’ fatto gli Stati Uniti di Scampia-Secongliano! (Salvatore Conte)

  33. Ce repigliammo tutto chillo ch’era ‘o nuosto! (Pietro)

  34. Sul quanno te toccan ‘o sang se ver chi si’ overament. Io l’agg visto e iss ha vist a me. Perciò iss è cchiù d’o sang mio. (Genny)

  35. Songhe ‘e sorde ca fanno l’ommo onesto! (Pietro)

  36. Mo’ ce penzo! Vache a fa’ na pisciata e ce penzo! (Salvatore Conte)

  37. Sta terra ‘e mmerda nun conosce ‘o sole! (Pietro)

  38. ‘A fine dô juorno sta tutta cca. (Pietro)

  39. L’ommo ca po’ fa a meno ‘e tutte ‘e ccose, nun tene paura ‘e niente! (Salvatore Conte)

  40. Deux fritures (Salvatore Conte al ristorante in Francia)

  41. Gli immobili stanno lì ma non generano ricchezza, mentre i soldi creano soldi… e i soldi io li so fabbricare, donna Imma. Senza tirar fuori un centesimo, semplicemente prendendo e restituendo prestiti, giocando sulle valute.

  42. ‘O sang’ se mastica ma nun se sputa. (Pietro Savastano)

  43. Where is my gold?! (Genny)

  44. ‘O chiattone? Ma quanno mai, chillo tene a capa’ pe’ spartere ‘e rrecchie! (Salvatore Conte)

  45. Ieri notte agg’ vist ‘nu documentario per televisione ‘ngopp all’api. ‘E maschi nun fann nient ra’ matina a’ sera. Si scetano sul quann ‘a madre regina ‘e mmann a chiammà. S’accoppiano uno ‘a vota per ‘na questione ‘e sicurezza, e chiavano accussì assaje ca ce scoppiano ‘e ppall. E po’ moreno. Un appriess a n’ato. Tanto nun servono cchiù a niente. (Patrizia)

  46. È chello c’aggio fatto: l’ommo. L’ommo e ‘a mamma, primma pe’ tte e mo l’aggia continua’ a ffa’ pure pe’ Cosimino, pecché tu ‘ncapa tienne ‘o ggas. (Sangue Blu)

  47. Vien’accà! Vien’ a te piglia’ ‘o perdono! Vien’accà! È tutt’ appost piccirill’! Tutt’ appost! È fernut’ tutt’ cos’! (Salvatore Conte)

  48. Patemo diceva sempe ca ‘e figlie criature teneno bisogno ‘e latte, mentre ‘e figlie guagliune teneno bisogno ‘e fiducia. (Patrizia)

  49. Te veco cchiù selvaggia, cchiù leonessa! (Pietro Savastano)

  50. ‘O vide stu tavuto, Gennarì? Bello, eh? L’aggio stipato pe mme. Ma c’aggi’a trasì quanno me so fatta vecchia assaje. (Scianel)

  51. ‘Je so Scianel. ‘O ssaje pecché me chiammano accussì? Pecché ne capisco assaje ‘e profume… e tu puzze già ‘e morte! (Scianel)

  52. Ieri notte agg’ vist ‘nu documentario per televisione ‘ngopp all’api. ‘E maschi nun fann nient ra’ matina a’ sera. Si scetano sul quann ‘a madre regina ‘e mmann a chiammà. S’accoppiano uno ‘a vota per ‘na questione ‘e sicurezza, e chiavano accussì assaje ca ce scoppiano ‘e ppall. E po’ moreno. Un appriess a n’ato. Tanto nun servono cchiù a niente. (Patrizia al marito Michelangelo)

  53. Dint’â vita contano doje cose: ‘a sorte e ‘e cumpagne. (Sangue Blu)

  54. Sti cazze ‘e russe: stanne chine ‘e sorde e cattiveria… e se penzano ca basta chello pe’ cumanna’… e se penzano malamente, ce vo’ chesto! Tengono ancora ‘nu sacco ‘e strada ‘a fa’. (Salvatore Conte)

  55. Genna’, una sola cosa non ti devi scordare. Noi questa casa l’abbiamo costruita tutti quanti insieme a tuo padre e una sola regola l’abbiamo sempre rispettata, tutt’ quant’: ‘e sord’ nun tengono bandiera. E nuje ca’ e sord’ stamm’ parlann, ‘e sord’ e basta! (Zecchinetta)

  56. A pat’m nun l’ha accis Ciro Di Marzio. L’ha accis o’ velen ca tenimm tutt quant n’cuorp. Nuje o sapimme ca ce sta, ma nun o putimme sputà for. (Genny)

  57. Se tieni la fede non sei mai solo! Nun tien’ paura ‘e nient’! Je senza ‘a fede nun foss’ iut’ a nisciuna part’. (Pietro Savastano)

  58. Chille t’hanno accise nu padre e nun t’hanno lassate manco nu cuorpo ‘a sutterra’. Nuje simmo figlie ‘e fantasmi e ‘e fantasmi nun trovano pace. (Sangue Blu)

  59. Diego, io ti insegnerò tutto, te faccio addiventa’ nu grand’ omm’, però m’ea prometter’ na cosa: nun t’ea fida’ mai e nisciuno! Mai! Nemmen’ e me! (Genny)

  60. ‘O sang’ nun se sceglie… ‘e cumpagne sì. (Patrizia)

  61. Quando mio figlio era criaturo, io ‘o purtavo sempe a vede’ ‘e scigne, e isso me diceva: “Papà, ma comm’è possibile che degli animali accussì sciem, vogliono fare quello che fanno i cristiani?” ‘E scigne so’ belle quando fanno quello che dice il padrone, pecché se vogliono comandare da sole, diventano pericolose, s’anna abbattere! (Pietro Savastano)

Citazioni napoletane famose

Come ben sappiamo, Gomorra si svolge principalmente in uno dei quartieri più conosciuti di Napoli: Scampia. Durante la serie sono infatti moltissime le citazioni napoletane che possiamo sentire e apprezzare da diversi personaggi. Ecco alcune frasi in napoletano Gomorra, ma anche semplici frasi napoletane che vale la pena ricordare:

  1. Vide Napole, e po muore.

  2. Chiu ‘a cap è vacant chiu ‘a lengua è long.

  3. Adda passà ‘a nuttata.

  4. Nun te fà ‘ncantà a stu monno, so tutt brav’a recità.

  5. A ppava’ e a mmuri’, quanno cchiù tarde è pussìbbele.

  6. A gent parla assai.. senza sape’ nu cazz.

  7. Chi ha avuto, ha avuto, e chi ha rat, ha rat.

  8. Tutto ‘o lassato è perduto.

  9. A speranza è ‘u ppane d’ ‘i puverielle.

  10. Ccà nisciuno è fesso.

  11. Chi nasce ciuccio, ciuccio se ne more.

  12. E denare fann’ venì a’ vista e cecate!

  13. E figlie so’ ppiezz”e còre.

  14. ‘A mmerda sott’acqua nun se vede.

  15. L’ignorante parla a vanvera. L’intelligente parla poco. ‘O fesso parla sempre.

  16. O Ricco po’ addiventa’ povero; o povero po’ addiventa’ ricco; ma o’ scemo è sempe scemo.

  17. Ògne scarrafóne è bbèllo ‘a màmma sóia.

  18. ‘E voglia ‘e mettere rum, chi nasce strunz’ nun po’ addiventà babbà.

  19. ‘A vita è tosta e nisciuno ti aiuta, o meglio ce sta chi t’aiuta ma una vota sola, pe’ puté di’: “t’aggio aiutato”.

  20. L’attenzion è a carezza cchiu’ bell.

Frasi sugli infami e sui traditori

Uno dei temi ricorrenti di Gomorra è il tradimento, specialmente quando si lega all’onore personale. Per rimanere quindi in tema con le frasi Gomorra, ecco alcune frasi sugli infami e traditori:

  1. Imparerai a tue spese che nel lungo tragitto della vita incontrerai tante maschere e pochi volti. (Luigi Pirandello)

  2. La falsità di alcune persone si sente anche quando stanno zitte.

  3. È quando vi ho visto ridere con la gente di cui sparlavate che ho capito chi eravate

  4. Avere un traditore come alleato significa avere un nemico in attesa. (Jacqueline Carey)

  5. Nella gioia e nel pianto agli amici sempre accanto agli infami e ai traditori i peggiori dei dolori.

  6. Se stare in mezzo alle persone significa convivere con la falsità preferisco vivere per conto mio. (Alda Merini)

  7. Ci sono individui composti unicamente di facciata, come case non finite per mancanza di quattrini. Hanno l’ingresso degno d’un gran palazzo, ma le stanze interne paragonabili a squallide capanne. (Baltasar Gracián)

  8. Infame, chi sapendo di essere sinceramente amato ha ferito, illuso e dato per scontato.

  9. L’uomo finge continuamente di essere quello che non è; è un modo per nascondere se stesso. Chi è brutto cerca di sembrare bello, chi è preda di angosce cerca di sembrare felice, chi non sa niente cerca di dimostrare di sapere tutto. E le cose vanno avanti in questo modo. Se non diventi consapevole dei tre idioti che sono in te, non diventerai mai un saggio. È superando i tre idioti che si diventa realmente saggi. (Osho)

  10. Non esiste il tradito, il traditore, il giusto e l’empio, esiste l’amore finché dura e la città finché non crolla. (Erri De Luca)

  11. Agli onesti la sincerità, agli infami l’indifferenza.

  12. Dopo l’infamia c’è l’ipocrisia e Dio tace, puoi ripulirti la coscienza co’ n “Riposa in pace. (Noyz Narcos)

  13. Bisogna diffidare di due categorie di persone: quelle che non hanno personalità, e quelle che ne hanno più d’una.

  14. Per un traditore non c’è perdono. (Casimir Delavigne)

  15. Prima ti accarezzano, poi ti accoltellano.

  16. L’uomo è un animale che finge, e non è mai tanto se stesso come quando recita. (William Hazlitt)

  17. Ogni adulatore nasconde un traditore. (Jean-Baptiste Gresset)

  18. Essere feriti da una persona a cui hai spiegato cosa ti fa stare male è un altro tipo di dolore.

  19. Non si ha il diritto di tradire nemmeno un traditore. I traditori devono essere combattuti, non traditi. (Charles Peguy)

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments