mercoledì, Luglio 6, 2022
Google search engine
HomeBorsa e CriptovaluteBande di Bollinger: cosa sono e come funzionano

Bande di Bollinger: cosa sono e come funzionano

Come fare trading con le Bande di Bollinger

Vuoi utilizzare le bande di Bollinger per comprendere il trand del mercato, valutare la volatilità e prevedere anticipatamente se vendere o comprare?

La Banda di Bollinger superiore insieme a quella inferiore forma un range di prezzo che racchiude i movimenti del mercato con valori massimi e minimi, in base alla loro curvatura delle bande è possibile comprendere se il prezzo sta salendo o scendendo.

In questo articolo ti spiegherò come capire i segnali di vendita ed acquisto in modo da comprendere i trand del mercato osservando il grafico delle bande.

Bande di Bollinger: strategia ideale per il trading

Inventate da Jhon Bollinger nel 1980 si sono rivelate efficaci nell’individuare direttamente sul grafico dei prezzi i segnali d’acquisto o di vendita in controtendenza.

Create per individuare i migliori investimenti sul mercato, le bande di Bollinger sono riconosciute per la loro flessibilità nel trading, dal momento che possono essere adattate a mercati differenti, quali forex, materie prime, opzioni binarie.

Come usarle per aumentare i guadagni?

Applicando questi strumenti di analisi tecnica puoi analizzare i massimi e minimi del mercato, cogliendo il momento giusto per vendere o acquistare.

Le bande di Bollinger sono uno strumento dinamico ed attivo: dinamico perché sono costruite sul grafico in via automatica mediante l’attivazione dell’apposito indicatore, attivo perché l’indicatore si adatta sia a livello grafico quanto alle condizioni che si presentano sul mercato. 

Calcolare la Banda di Bollinger

Per calcolare le Bande di Bollinger si usa una media mobile di 20 giorni a cui viene aggiunto o sottratto il valore della deviazione standard moltiplicata per 2.

Le bande sono formate da tre linee:

  • Banda superiore
  • Linea media centrale
  • Banda inferiore

La banda superiore è ottenuta aggiungendo alla media mobile 2 volte la deviazione standard mentre la banda inferiore è calcolata sottraendo alla media mobile 2 volte la stessa deviazione.

Se nel grafico il prezzo esce dalla banda superiore e successivamente vi rientra oppure il prezzo esce dalla banda inferiore per poi rientrarvi si verifica un chiaro segnale di vendita.

Il trend viene definito dalla media mobile che fa da riferimento alle bande stesse, la volatilità, invece, dalla condizione dei prezzi rispetto alla banda superiore ed inferiore.

Misurare la volatilità ed il trand con le Bande di Bollinger

L’ ampiezza del canale delle bande di Bollinger nella grafica, facilita la valutazione della volatilità in quanto il riscontro è visivamente immediato:

  • Quando la volatilità aumenta le bande tendono ad allargarsi
  • Quando la volatilità diminuisce le bande si stringono

Il segnale d’inversione di un trend in atto si presenta quando una delle bande (quella inferiore nel caso di trend rialzista) assume direzione opposta a quella del trend stesso. Nel momento in cui questa ritornerà nella direzione precedente il movimento sarà terminato.

Per comprendere le tendenze di mercato bisogna osservare il grafico:

  • Il Trand in rialzo si verifica quando il prezzo rimane tra banda media mobile e quella superiore
  • Il Trand in discesa si evidenzia quando il prezzo si mantiene a lungo tra la media mobile e la banda inferiore

Le bande possono essere utilizzate insieme ad altri indicatori, che non devono basarsi sulle medesime regole costruttive.

Un motivo per utilizzare altri indicatori come conferma dei segnali dai dalle bande di Bollinger è il rimbalzo, il quale, potrebbe avere luogo nel tempo e non necessariamente nello spazio. In questo caso, i prezzi tenderanno a muoversi in congestione dopo essere rientrati marginalmente all’interno della fascia di prezzi delimitata dalle bande.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments