mercoledì, Luglio 6, 2022
Google search engine
HomeSocietàCamilla Ravera, chi è? Figli, marito, Ventotene, Biografia, libri

Camilla Ravera, chi è? Figli, marito, Ventotene, Biografia, libri

Nata ad Acqui Terme il 18 giugno 1889, fondatrice del PCI, è stata prima donna a farsi portavoce delle battaglie a favore dell’aborto, della parità salariale e del riconoscimento sociale della maternità, nonché la prima ad essere nominata senatrice a vita.

Camilla Ravera: biografia e Ventotene

Nel 1908, dopo gli studi magistrali, Camilla Ravera si trasferisce a Torino per lavorare come insegnante. Nel 1918 si iscrive al PSI ed entra a far parte della redazione dell’Ordine Nuovo di Antonio Gramsci dove si occupa della rubrica Tribuna delle Donne. Nel 1921 è tra i fondatori del Partito Comunista d’Italia e ne diventa ben presto un’esponente di spicco, tanto da essere un punto di riferimento anche quando viene messo fuorilegge durante il periodo fascista. Camilla Ravera verrà poi nominata unica donna rappresentante del PCI al Comintern dove conoscerà Lenin e Stalin. Si trovava infatti a Mosca quando avviene la marcia su Roma.

Nel 1922 Mussolini ordina un suo primo arresto, ma Camilla riesce a fuggire cambiando nome e vivendo in latitanza per ben 8 anni. Viene arrestata solo nel 1930 ad Arona (NO) e condannata a 15 anni di carcere. Sconterà 5 anni in cella e gli altri al confino in varie località tra cui l’isola di Ventotene dove sarà protagonista di una lotta con il direttivo comunista del confino, prima avvisaglia di quella che sarà la rottura col partito.

Infatti nel 1939 viene espulsa dal PCI per aver preso posizione sul Patto Molotov-Ribbentrop, tornando poi solamente nel 1945 grazie all’arrivo di Togliatti a Torino. Candidata alle comunali di Torino, verrà eletta consigliere comunale e, l’anno seguente, arriverà al Parlamento rappresentando il PCI per ben due legislature.

Dopo essersi ritirata a vita privata, nel 1982 viene nominata senatrice a vita da Sandro Pertini: è la prima donna a ricevere questo nomina.

Muore a Roma il 14 aprile 1988 all’età di 99 anni.

Camilla Ravera: Marito e figli

Camilla Ravera ha un’idea precisa di cosa significhi avere un marito e dei figli. Ritiene infatti che creare e allevare bambini sia un opera impegnativa e delicatissima per una madre ed è da considerarsi non solo una soddisfazione personale, ma è qualcosa di cui beneficia la società tutta e come tale, deve essere tutelato, riconosciuto ed incentivato. Di qui le sue lotte per riconoscimento della maternità e del diritto delle donne ad avere un’indipendenza economica al pari degli uomini.

Dal canto suo però, Camilla sceglie consapevolmente di sacrificare la possibilità di formare una famiglia, al suo impegno politico. Di sé stessa dichiarerà di essere stata tanto presa dalla politica da non avere né tempo né disponibilità per accettare l’ idea di avere un marito o dei figli.

Camilla Ravera: Libri

Di seguito, tutti i libri pubblicati da Camilla Ravera:

  • Diario di trent’anni: 1913-1949 (1973)
  • Breve storia del movimento femminile in Italia (1978) 
  • Lettera al partito e alla famiglia (1979)  
  • Camilla Ravera racconta la sua vita (1985)
  • Una donna sola (1988)  

 

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments