mercoledì, Agosto 10, 2022
HomeEconomiaDso: cos'è, come si calcola, a cosa serve

Dso: cos’è, come si calcola, a cosa serve

D s o o Days Sales Outstanding, significa in italiano: Il tempo medio di incasso. Indica, perciò, il tempo medio di pagamento delle fatture commerciali, consente cioè di valutare la capacità di convertire i crediti commerciali in entrate.

Riuscire a trasformare nel minor tempo possibile le vendite in denaro per un imprenditore ha il significato di poter reinvestire il denaro in modo veloce.

Come si calcola il Dso?

Calcolo Dso significa che i crediti (al netto dell’Iva) vanno divisi per il fatturato, il valore che se ne ricava va moltiplicato per 365, i giorni dell’anno; così da ottenere i giorni impiegati per ottenere il credito dal momento dell’emissione della fattura.

Bisogna fare la differenza, quando il Dso è troppo alto e quando è troppo basso. Nel primo caso l’azienda sta riscuotendo in ritardo i crediti e non ha quindi liquidità immediata, nel secondo invece significa che l’azienda sta incassando velocemente le fatture e quindi può investire tempestivamente i soldi ricavati.

Eppure c’è una cosa da tenere in considerazione: il Dso calcolo è solo per le vendite a credito e non in caso di vendite in contanti, perché in quest’ultimo caso il Dso è pari a zero.

A cosa serve?

L’importanza del Dso è fondamentale per le attività aziendali, perché conoscere il tempo medio nel quale i crediti si trasformano in soldi da investire comporta la possibilità di mettere a punto strategie aziendali utili a incrementare la sua attività.

E’ per questo motivo che se tramite lo studio del Dso si accerta che i tempi di incasso sono estremamente lunghi, si constata anche l’esistenza di un problema che può essere affrontato andando a risalire a quali sono i clienti che risultano insolventi.

Il Dso rappresenta un indicatore prezioso anche per segnalare un andamento. Ossia l’aumento o la diminuzione di questo valore può essere indicativo di un’attività aziendale più proficua in determinati periodi dell’anno e meno in altri.

Un Dso in aumento segnala alla ditta che si sta perdendo il controllo del processo di fatturazione, incasso e recupero crediti. Un segnale grave per l’azienda che rischia di entrare in crisi tanto da trovarsi di fronte a un problema di liquidità. Resta quindi di fondamentale importanza tenere costantemente sotto controllo l’andamento del Dso.

Come migliorare il Dso?

Esistono, però anche degli escamotage che consentono a un’impresa di non incorrere nei problemi derivanti da un Dso troppo alto e cioè:
– Prima di fare affari con un cliente svolgere accertamenti per verificare la sua solidità finanziaria.
– Fondamentale sarà anche una fatturazione tempestiva perché il ritardo nei pagamenti potrebbe, in alcuni casi, addebitabile a un ritardo nell’emissione della fattura.
– L’azienda potrebbe anche valutare una negoziazione dei termini di pagamento, ad esempio proporre ai suoi clienti sconti per i pagamenti anticipati così da sollecitare un saldo tempestivo

Sicuramente tutte le aziende concedono dilazioni nei pagamenti ai propri clienti, così come possono riceverne a loro vola dai fornitori, l’importante è, però, mantenere una situazione di equilibrio tra uscite ed entrate così da mantenere una certa liquidità utile a investire per la crescita delle attività aziendali. Occorre pertanto tenere sempre presente il Dso formula impiegata nel calcolo dei tempi necessari per gli incassi.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments