domenica, Maggio 26, 2024
HomeLifestylePressione bassa: cause, quando preoccuparsi, cosa mangiare

Pressione bassa: cause, quando preoccuparsi, cosa mangiare

Può capitare che una persona vada incontro a episodi di bassa pressione, per cause che dipendono dal proprio stato di salute o per fattori esterni, come per esempio il forte caldo.

Quante volte sarà capitato di sentirsi spossati in una calda giornata estiva? Ebbene in quel caso è probabile che vi sia un fenomeno di ipotensione, vale a dire la bassa pressione del sangue.

Questa particolare condizione di salute, stando a quanto emerge dalla comunità scientifica, si declina in varie tipologie. A seconda del tipo di problematica e delle cause scatenanti è possibile intervenire nel modo più efficace. Il presente articolo si propone di approfondire l’argomento con utili consigli per il lettore.

La pressione arteriosa è la forza con cui il cuore pompa sangue nelle vene. La misurazione di questo importante valore tiene conto di due parametri: ovvero la pressione sistolica, derivante dall’attività del cuore nella fase di massima contrazione, e la pressione diastolica. Quest’ultimo valore indica il pompaggio del sangue ad opera del cuore durante la fase di rilassamento.

In condizioni ottimali la pressione sanguigna si attesta fra i valori di 90 e 129 mmGh. A quest’ultima misurazione, che rappresenta la pressione sistolica, si aggiungono i valori ottimali di 60 e 84 mmGh per la pressione diastolica . Al di sopra di questi valori ci si trova nel quadro clinico dell’ipertensione, una malattia cardiovascolare da tenere sotto controllo.

Al di sotto dei suddetti valori, invece, il paziente potrebbe trovarsi in una condizione di ipotensione. Come è possibile vedere, i valori della pressione sanguigna sono identificati nell’unità di misura del mercurio.

Ipotensione cause

Tra le cause più comuni da ricercare all’origine di una condizione di ipotensione arteriosa vi è il cambio repentino di posizione, da quella sdraiata a quella verticale. In alcuni soggetti possono manifestarsi i tipici sintomi della bassa pressione, come lo svenimento, in seguito a un improvviso sollevamento dal letto.

La pressione sanguigna bassa può verificarsi in seguito al consumo di un abbondante pasto. Questo succede perchè l’apparato digerente richiede molto sangue, privandolo ad altri organi fondamentali dell’organismo.

I motivi che sono alla base della pressione bassa non finiscono: nei soggetti più giovani una forte emozione può provocare una perdita dei sensi, tipico sintomo da ipotensione. Anche il consumo di alcune categorie di farmaci possono portare allo sviluppo di ipotensione, per non parlare della pressione bassa in gravidanza, altro fenomeno diffuso.

Cosa fare per la pressione bassa 

Prevenire gli episodi di bassa pressione è possibile, intervenendo sulla propria alimentazione. Pare che una dieta a base di sali minerali, alimenti ricchi di acqua e magnesio favoriscono l’apporto di nutrienti più adeguato per l’organismo.

Si consiglia di consumare frutti ricchi in potassio come ananas e banane. Ortaggi ricchi in magnesio come gli spinaci e frutti esotici come l’avocado. Il magnesio è anche presente nei cereali integrali.

Nelle giornate più torride del periodo estivo si consiglia di bere molta acqua e, quando necessario, un bicchiere di acqua e zucchero può donare un senso di sollievo. Pressione bassa sintomi: si annoverano le vertigini, lo svenimento e l’offuscamento della vista.

 

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments