domenica, Luglio 3, 2022
Google search engine
HomeBorsa e CriptovaluteEconomia, la Cina è davvero la nuova superpotenza? Tutte le info

Economia, la Cina è davvero la nuova superpotenza? Tutte le info

Economia cinese e crisi cinese

Da tempo si discute sul fatto che la Cina stia emergendo come una nuova superpotenza, sostituendo gli Stati Uniti dalla struttura del potere globale. La Cina  (Cina Pil) che sta emergendo con forza dalla crescente crisi economica globale dovuta alla pandemia Covid-19 e le politiche di Donald Trump che si sono alleate all’interno della NATO negli ultimi quattro anni hanno spinto in avanti questa narrazione in modo considerevole. Non c’è dubbio che la Cina è già diventata la potenza globale economicamente, e si prevede che supererà gli Stati Uniti come la più grande economia del mondo entro il 2028. La Cina è ancora indietro, ma è sulla buona strada per superare gli Stati Uniti nel potere militare con l’aumento della spesa per la tecnologia delle armi e lo sviluppo di diverse armi segrete.

Non c’è dubbio che la Cina acquisirà prima o poi una forza economica e militare superiore agli Stati Uniti, ma la domanda è: la Cina guidata dal Partito Comunista potrà mai essere una superpotenza formidabile e completa come lo sono stati gli Stati Uniti negli ultimi otto decenni? Quando l’Unione Sovietica competeva con gli Stati Uniti per rivendicare lo status di superpotenza durante il periodo della Guerra Fredda, ha in qualche modo eguagliato la forza dell’America nel condurre alleanze e nel potere militare. Tuttavia, all’apice del suo potere, l’Unione Sovietica non è mai stata all’altezza della dominazione statunitense dal punto di vista economico o culturale.

Economia Cina e crisi Cina

Dopo un rapido rimbalzo del coronavirus, la ripresa della seconda potenza economica più grande del mondo sta perdendo vapore, con una crescita del prodotto interno lordo del 4,9% su base annua, ha detto l’Ufficio Nazionale di Statistica (NBS), citando un rimbalzo interno “instabile e irregolare”. L’ultima cifra ha deluso le aspettative di una crescita del 5,0% prevista dagli analisti interpellati da AFP, ed è stata di tre punti percentuali in meno rispetto all’espansione del 7,9% nel periodo aprile-giugno.

“Dobbiamo notare che le attuali incertezze dell’ambiente internazionale sono in aumento e la ripresa economica interna è ancora instabile e irregolare”, ha detto il portavoce della NBS Fu Linghui. Ma il PIL del terzo trimestre è aumentato dello 0,2% rispetto ai tre mesi precedenti, hanno aggiunto le autorità.

Pil Cina (Pil cinese): economia della Cina crisi

Nel frattempo, la crescita della produzione industriale è rallentata ulteriormente al 3,1% su base annua a settembre. “La crescita è stata trascinata da un rallentamento del settore immobiliare, amplificato di recente dalle ripercussioni dei travagli di Evergrande”, ha detto Louis Kuijs, responsabile dell’economia asiatica di Oxford Economics. Le lotte del gigante immobiliare Evergrande – sotto una montagna di debiti per più di 300 miliardi di dollari – hanno pesato sul sentimento dei potenziali acquirenti.

Kuijs ha notato che c’è stato un “ulteriore colpo a settembre” da carenze di elettricità e tagli alla produzione dovuti alla rigida implementazione di obiettivi climatici e di sicurezza da parte dei governi locali. Ha aggiunto che il danno è visibile nel rallentamento della produzione industriale. Il razionamento dell’energia elettrica nelle ultime settimane, insieme all’aumento dei costi delle materie prime e alla spinta climatica del governo, ha portato a una riduzione dell’attività mineraria e manifatturiera. Ma le vendite al dettaglio sono salite al 4,4% – migliorando dal 2,5% di agosto – con meno misure di contenimento del virus in Cina, che ha imposto rapidi blocchi locali per una manciata di casi.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments